Problemi all’impianto elettrico?

Elettricittà è la soluzione più comoda immediata ai piccoli e grandi problemi legati all’elettricità e alle apparecchiature elettroniche. 

Hai problemi all’impianto elettrico? 

Elettronica Professionale BARI offre la soluzione più efficiente per risolvere i problemi in tempi brevi a prezzi convenienti e qualità garantita.

Dalle piccole riparazioni artigianali al rifacimento completo degli impianti elettrici di casa e ufficio.

Elettricittà nasce per chi non ha la possibilità di provvedere da solo a piccoli interventi di riparazione ordinaria e non ha un elettricista di fiducia, ma in particolare anche per gli uffici che necessitano di interventi rapidi e di interlocutori affidabili.

Elettricittà: per riparazione, controllo, revisione e certificazione del tuo impianto elettrico su Bari e provincia.

Con Elettricittà poi inoltre effettuare il controllo dell’impianto elettrico, la revisione ed ottenerne la certificazione.

I nostri servizi

Illuminazione

Soluzioni idonee per illuminare, risparmiando. Servizio di relamping (sostituzione delle vecchie lampadine inefficenti con lampade a led a basso consumo).

Sicurezza

Check up completo dell’abitazione per individuare problemi e intervenire tempestivamente per salvaguardare la salute dei propri cari.  

Reti Wireless

Progettazione e installazione di sistemi wireless per casa e ufficio. Configurazioni di access point, router, configurazione ripetitori wireless. 

Video Sorveglianza

Progettazione e installazione di impianti per la videosorveglianza di abitazioni, ufficio e aziende. Configurazione di IP camere per controllarle tramite web.

Alcuni esempi dei nostri prezzi:

Cosa stai aspettando? Siamo qui per risolvere i tuoi problemi.

Per domande e/o dubbi non esitare. Non sottovalutare i problemi relativi al tuo impianto elettrico.

RIVENDITORE AUTORIZZATO SCHEDE ARDUINO MAKER UNO

 

Domande frequenti

Perchè è importante la sicurezza domestica?

Ogni anno in Italia si verificano oltre 45 mila incidenti domestici, alcuni anche mortali, causati da problemi all’impianto elettrico.

Sono infatti 12 milioni le abitazioni (2/3 del totale di quelle costruite prima del 1990) con impianti elettrici non a norma che, oltre a essere pericolosi per le persone, lo sono anche per i vari dispositivi collegati all’impianto elettrico che potrebbero mal funzionare.

 La SICUREZZA DOMESTICA mira alla realizzazione di impianti elettrici sicuri, un obiettivo cui concorrono gli enti che redigono le Norme tecniche, i Parlamenti che emanano le leggi e la la ricerca che studia nuove tecniche e sistemi migliori. 

L’affidabilità di un impianto elettrico è la sua capacità di non arrecare danno e non nuocere alle persone, alle cose e a se stesso.

 Adottando tutte le precauzioni imposte dalla legge  l’elettricità, che è intrinsecamente pericolosa, diventa “sicura”, anche se è importante sottolineare che la  sicurezza assoluta non esiste.

Il RISCHIO deriva da queste situazioni:

 Il contatto diretto

Per evitare il contatto diretto esiste la protezioni meccanica che ogni involucro deve avere.

La normativa IP è un codice composto da due cifre che ne indica il grado di protezione meccanica e la protezione contro l’accesso di liquidi.

Per i contatti diretti esistono anche protezioni attive, ossia dispositivi elettronici che consentono l’erogazione di corrente elettrica solo in presenza di un carico elettrico, e la bloccano quando invece il carico ha una resistenza superiore a quella impostata.

 Contatti indiretti

Per evitare i contatti indiretti si usa un apparecchio chiamato interruttore differenziale(detto salvavita) che controlla la differenza tra correnti entranti ed uscenti di un circuito; se esse sono uguali non esiste dispersione, diversamente il circuito è guasto e il dispositivo di sgancio interviene aprendo il circuito mettendolo in sicurezza.

 Correnti di sovraccarico

Per le correnti di sovraccarico si utilizzano fusibili o interruttori magnetotermici (per la parte termica), entrambi contraddistinti da una corrente nominale.

Sono apparecchi elettrici che hanno la capacità di rilevare correnti troppo elevate che passano nel circuito ed in tal caso interrompono (aprono) il circuito.

 Correnti di corto circuito

Si ha cortocircuito quando vengono a contatto due o più conduttori attivi innescando nella linea elettrica interessata una corrente elevatissima data dall’assenza di resistenza.  

Per evitare questo problema si usano come protezione i fusibili, gli interruttori magnetici o magnetotermici che intervengono aprendo il circuito.

 Sovratensioni

La più tipica è il fulmine, che può comportare danni alle persone ed indirettamente incendi. 

I sistemi per annullarne gli effetti sono complessi e la loro attivazione dipende anche dalla struttura dela fabbricato che ospita l’abitazione

 Manutenzione

La catena delle responsabilità spesso coinvolge anche l’utente finale,  convinto l’impianto elettrico sia sicuro per sempre, trascurando la manutenzione che invece serve proprio a garantire l’efficienza e la sicurezza degli impianti.

Uno studio dell'illuminazione degli ambienti fa davvero la differenza?

Che l’illuminazione sia fondamentale all’interno degli ambienti è ormai cosa risaputa: una buona illuminazione favorisce una visione ottimale.

Ogni ambiente della propria casa ha una sua maniera di essere illuminato, non solo per ottimizzare le stanze abitate e per risparmiare energia, ma anche per creare un’atmosfera particolare, per mettere in risalto un quadro o un mobile antico o un semplice accessorio che la padrona di casa vuole mettere al di sopra degli altri.

IL TIPO DI LAMPADA

Non è un caso che le lampade siano l’ultima cosa che viene acquistata quando si mette a nuovo un’abitazione.

Esse, infatti, devono amalgamarsi con armonia all’arredamento, quindi il miglior acquisto verrà fatto quando l’arredamento sarà definitivo.

LE STANZE

Abbiamo detto che ogni stanza ha di preferenza un suo tipo di luce: nella cucina, ad esempio, la luce deve essere generale con qualche faretto che punti sui fornelli e sul piano di lavoro da accendere all’occorrenza.

Nel bagno invece va benissimo la plafoniera centrale con una luce accanto allo specchio vicino al lavandino.

Nel corridoio è preferibile adottare una luce calda emanata da appliques aulle pareti.

Permettere in evidenza un quadro speciale il faretto è sempre la soluzione migliore.

La stanza da pranzo va di preferenza illuminata con un lampadario centrale con un doppio interruttore in modo si possa scegliere quante lampadine accendere a seconda dei commensali.

Il soggiorno va invece illuminato a zone in modo che ognuna da poter scegliere cosa illuminare in base all’uso del momento(mangiare, giocare, chiacchierare con gli amici sul divano, guardare la TV, ecc.).


Anche la camera dei ragazzi andrebbe illuminata a zone, con un lampadario centrale ed una buona illuminazione della zona studio, magari con lampade alogene con bracci regolabili.

La stanza da letto, infine, potrebbe essere illuminata dai tradizionali quattro elementi: lampadario centrale, lampada da cassettone ed i due abat-jour per i comodini.

Si può davvero risparmiare con i giusti accorgimenti?

Ogni giorno la vita ci propone nuovi rincari, come possiamo fronteggiare questi aumenti? 

Risparmiare energia elettrica potrebbe essere la risposta: piccole modifiche al nostro stile di vita quotidiano che riducono la bolletta elettrica e le emissioni energetiche.

DISPOSITIVI ELETTRICI

Tv, lettori dvd e computer, sono elettrodomestici che mostrano di essere accesi mediante LED colorati.

Ciò avviene per stereo, videogiochi e un gran numero di apparecchiature elettriche.

L’attività in standby di questi dispositivi incide molto sulla nostra bolletta elettrica.

Utilizzare delle semplici ciabatte multi spina, ci consentirà di spegnere contemporaneamente le utenze e ci aiuterà a diminuire gli sprechi e a risparmiare energia elettrica.

ILLUMINAZIONE

Anche le lampadine potrebbero aiutarci nella nostra impresa: le lampade ad alta efficienza, costano di più ma si tratterà di un investimento ben ponderato: consumano molto meno elettricità e in più durano molto di più delle lampade convenzionali, oltre al fatto che fanno più luce e riducono l’affaticamento oculare.

FRIGORIFERO

La regola principale è quella di aprirlo solo quando serve.

Sembra banale ma aprire lo sportello, non fa altro che aumentare il consumo energetico dell’apparecchio che sarà costretto, di apertura in apertura, ad accendere più spesso il compressore per mantenere una temperatura più fresca.

Aprire lo sportello del frigo significa far surriscaldare sia perché l’aria calda esterna è spinta all’interno del frigo, sia perché entrerà in azione il led del frigorifero che riscalderà l’atmosfera adiacente.

Ricordiamo che vige l’obbligo di tenere l’elettrodomestico ad una distanza di almeno 10 cm rispetto al muro così da evitare un surriscaldamento dell’intera camera.

FORNO A MICROONDE e FORNO ELETTRICO

E’ consigliabile spegnere il forno elettrico poco prima della cottura dell’alimento per sfruttare il calore residuo accumulato nel forno stesso ed ultimare la cottura senza un briciolo di elettricità aggiunta.

Il discorso cambia per il forno a microonde che da sempre si è dimostrato un buon alleato del risparmio energetico: prediligere il forno a microonde a quello elettrico potrebbe essere una buona strategia.

LAVATRICE

Anzitutto va considerata la possibilità di sfruttando le tariffe differenziate: lavando la biancheria di notte, si potrebbe sfruttare una tariffazione più basse e si potrebbe evitare di intasare il traffico energetico giornaliero; la lavatrice, così come la lavastoviglie, va utilizzata solo a pieno carico e a temperature non troppo alte, tra i 30-60°.

Tali accorgimenti possono essere preziosi per risparmiare energia elettrica e risparmiare denaro.

La vita domestica dovrebbe essere condotta con minor superficialità, per capire quanto si può concretamente risparmiare, basterà pensare che si è stimato un risparmio di 60 euro di elettricità annua, solo con l’utilizzo della ciabatta multispina.

Perchè scegliere l'installazione di una rete Wireless?

Configuriamo la tua rete wifi domestica o professionale con competenza, velocità ed efficienza, offrendoti anche la consulenza per scegliere la soluzione più adeguata.

VANTAGGI:

NESSUN CAVO

E’ molto importante, specialmente in ambito domestico non dover cablare le stanze. In alternativa, la tecnologia Homeplug raggiunge lo stesso obiettivo del wifi utilizzando però l’impianto elettrico già esistente.

SEMPLICE INSTALLAZIONE

La mancanza di cavi permette una semplificazione notevole nella creazione di una rete, basterà posizionare l’Access Point in una posizione adatta, per coprire il più possibile l’area interessata, e che si trovi nelle vicinanze di una presa elettrica per la sua alimentazione.

MOBILITÀ

Uno dei maggiori vantaggi di una connessione senza fili sta nella possibilità, specialmente con un portatile, di potersi collegare alla propria rete da zone differenti, ed in movimento, pensando ad un telefonino, nessuna tecnologia ovviamente in questo caso può essere superiore al wifi.

MANUTENZIONE RIDOTTA

Le reti wireless a differenza di qualsiasi rete cablata ha anche il vantaggio di usurarsi meno, i cavi infatti con il tempo sono destinati a deteriorarsi, come i numerosi componenti hardware presenti normalmente in una rete. In una rete wifi gli unici componenti sino la scheda wifi sul pc, e l’access point.

COSTI RIDOTTI

Rispetto ad una normale rete cablata i costi del wifi sono davvero minimi e concentrati solamente sulla scheda e l’access point, mentre in una rete cablata, bisogna aggiungere i costi dell’installazione, far passare i cavi dentro a canaline o addirittura dentro ai muri ha un costo a volte molto superiore dei componenti stessi.

SVANTAGGI:

RALLENTAMENTI

L’access point è da paragonare in una rete cablata all’HUB, ovvero un concentratore, questo fa si che eventuali rallentamenti dovuti ad una saturazione della banda disponibile (tanti pc che navigano, o condividono file di grosse dimensioni) si manifesti a tutti i computer collegati, facendo diventare lenta tutta la rete.

Una rete wifi raggiunge una velocità standard teorica di 54Mb contro i 100 o 1000Mb di una rete cablata, si intuisce subito il limite che non si manifesterà davanti ad una pagina web, ma nell’azione di copiare o scaricare un file anche interno alla rete.

INSICUREZZA

La sicurezza è il più grande svantaggio di una rete wireless, i dati infatti a differenza di una rete cablata dove viaggiano su cavi, vengono inviati tramite le onde radio che normalmente escono dai confini dell’edificio dando la possibilità a maleintenzionati di poter catturare le informazioni, e nei casi peggiori introdursi nella rete.

INSTABILITÀ

La rete wifi sfruttando le onde radio soffre di molte interferenze presenti nell’aria, dalle altre onde generate da cordless, cellulari, forni a micronde, si devono sommare anche fattori costruttivi come pareti di cemento armato, elementi in ferro che disturbano maggiormente il segnale.

CONFIGURAZIONI DIFFICILI

In alcuni casi la configurazione corretta e sicura della propria rete wireless non è semplice per chi non sa nulla di reti.

LE NOSTRE SEDI

VIA DANTE ALIGHIERI, 235 | 70122 | BARI

GBC Elettronica BARI

VIA GIUSEPPE CAPRUZZI, 244 | 70124 | BARI

GBC Elettronica BARI